Il Blog Napier

Social e televisione secondo Simona Ercolani

 

Simona Ercolani è l'amministratore delegato e il produttore creativo di Stand By Me. La carriera televisiva della Ercolani comincia come giornalista e prosegue come autrice di programmi di successo. In un'intervista rilasciata alla Napier Academy, Simona Ercolani spiega il rapporto tra web, social media e produzione televisiva.

 

Chi è e che cosa fa Simona Ercolani?

Sono un produttore creativo e ho fondato Stand By Me, una società di produzione televisiva e multimediale. In precedenza ho fatto la regista, l'inviata, l'autrice e il capo progetto.

 

Che impatto hanno i social sulla produzione televisiva?

I social hanno un impatto importante. Sono un grande volano per il mio lavoro, ma in un rapporto di reciprocità. Se da una parte i social amplificano i contenuti di un programma, dall'altra parte un programma fornisce contenuti ai social. Quello fra produzione televisiva e social media è un rapporto che andrebbe regolato, per quanto riguarda la tutela dei diritti d'autore. Personalmente io sono a favore della diffusione dei contenuti, ma dovrebbe esserci una negoziazione tra il gestore dei social e i produttori di contenuti.

 

Il web rappresenta un'insidia per il campo televisivo?

Risolta la questione inerente la gestione della proprietà intellettuale dei diritti cui accennavo prima, non vedo particolari insidie nascondersi nel web. Dal momento che si decide di condividere un contenuto televisivo sui social, il contenuto atterra su una piattaforma di discussione ed esplode letteralmente. Proprio per questo motivo, occorre che a gestire questo processo siano figure professionali specifiche e ben preparate. Questa è l'unica criticità che vedo: può capitare di incontrare persone non sempre preparate e professionali.

 

Che differenza c'è fra un contenuto per la televisione e uno per il web?

Il web pretende sequenze brevi, quindi molto intense, qualsiasi sia la natura del contenuto. Pertanto, un ottimo contenuto web deve riuscire a dire qualcosa con la maggiore forza possibile nel minor tempo possibile. Una cosa che funziona in televisione non è detto che possa andare bene sul web. Ogni volta che si produce un contenuto, bisogna portare molto rispetto al media con cui lo si diffonde.

 

Come è presente Stand By Me sul web?

Stand By Me ha un sito, un account Facebook, uno Twitter e uno Instagram. In azienda utilizziamo sito e social come se fossero un biglietto da visita. Attraverso questi media, ci presentiamo esattamente per ciò che sappiamo fare.